“Il 21 Giugno è la giornata che il Centro Studi Averroè ha deciso di dedicare al contrasto al burqa e niqab, simboli politici di estremismo applicato e di oppressione della donna. Per questo, insieme ad alcune associazioni internazionali, organizza l’evento ‘Dietro il velo del terrorismo’, per svelare cosa realmente si cela dietro a quei veli integrali”. Così in una nota Souad Sbai, giornalista e scrittrice.

“Dietro ai veli integrali (burqa e niqab) – spiega Sbai – si cela la prima e imprescindibile volontà della fratellanza musulmana, ovvero marcare il territorio con l’oppressione delle donne, che non è solo pratica ma anche simbolica. Il senso è dentro la visuale altrui: dove ci sono donne velate totalmente, tutti devono sapere che la Fratellanza è dominante. Per questo il Centro Studi Averroè ha deciso di dare vita alla giornata internazionale e all’incontro, per sensibilizzare ancora e sempre l’opinione pubblica su questo tema che pare – dice Sbai – uscito dell’agenda politica. Le donne sono il simbolo dell’oppressione jihadista applicata: liberate loro, il meccanismo della fratellanza si inceppa e muore”.

da Macchioni Communications del 19/06/2018