”Mai abbassare la guardia contro il pericolo jihadista e quello che è accaduto nel sud della Francia ne è la riprova. Purtroppo a Trebes il bilancio di un sequestro in un supermercato è di almeno tre morti e tre feriti . L’uomo è stato identificato come un 25enne di origine marocchina già conosciuto ai servizi segreti ed ha chiesto liberazione di Salah Abdeslam unico sopravvissuto del commando delle stragi di Parigi nel 2015. Sono dovute intervenire le teste di cuoio per fermare il terrorista . Sono schegge impazzite e la loro forza è che possono manifestarsi ovunque e possono infiltrarsi attraverso i canali dell’immigrazione. Un monitoraggio continuo e le operazioni di intelligence possono fare molto ma purtroppo il pericolo esiste ed è sempre dietro l’angolo”. Così in una nota Souad Sbai, giornalista, presidente del Centro Studi Averroè ed esperta di jihadismo internazionale.

da Almaghrebiya.it del 23/03/2018