Chiacchiere che producono fumo, fumo che confonde la vista per lasciare tutto com’è.
Questo il risultato del piano made in Mogherini per arginare l’emergenza immigrazione verso l’Italia. Un’emergenza che non nasce con le centinaia di morti delle scorse settimane, ma va avanti da anni senza che nessuno abbia potuto e voluto mettervi un freno. Alcuni per incapacità, altri per squallida convenienza perché su profughi e immigrati
hanno costruito una ingente fetta di consenso.
Coloro che sono approdati nel nostro Paese superano ormai abbondantemente la soglia
di emergenza ma l’unica preoccupazione di questi burocrati senza volto e senza patria è garantire ai trafficanti di vite umane e di terrore, di poter partire e di poter scaricare qui la
loro “merce”. Quote, percentuali, suddivisioni e la ignobile propaganda di certa politica che tenta di spacciare il piano come un passo in avanti, mentre in realtà è solo l’ultimo episodio di asservimento del nostro Paese a questa Europa matrigna. Ma del resto un’Italia allo sbando, la cui classe governante è incapace di battere i pugni per condizioni
migliori, non poteva non accogliere con gioia l’ennesimo schiaffo di Bruxelles: i viaggi dei migranti, da domani, diverranno una sorta di navetta da e per il Nordafrica. iltempo. I signori della morte e del jihad hanno vinto, i buonisti che oggi esultano hanno spalancato loro definitivamente le porte d’Italia.