Souad Sbai (photo: Lo Speciale)

Circola un’immagine agghiacciante su Twitter, tanto sconvolgente da lasciare impietrita l’ex parlamentare Pdl, oggi militante della Lega, Souad Sbai, una che alle minacce di morte ormai dovrebbe essere in qualche modo abituata, se mai fosse possibile farlo. Giornalista di origini marocchine, da 35 anni in Italia, da tempo vive sotto scorta perché destinataria della fatwa lanciata da diversi imam. Alcuni giorni fa, racconta il Tempo, la Sbai è stata chiamata dalla polizia postale dopo che gli agenti hanno intercettato su Twitter una foto con una testa umana mozzata con accanto proprio il suo nome.

La reazione – L’ultima minaccia contro di lei non è da sottovalutare, ma come racconta al Tempo non ha nessuna intenzione di fare un solo passo indietro rispetto alle posizioni dure e ferme che ha sempre avuto nei confronti dell’estremismo islamico. Sostiene senza dubbi quanto sia necessario de-islamizzare l’Europa, perché solo in questo modo abbasseremo il pericolo di finire nelle mani di qualche folle terrorista fedele ad Allah. Bisogna agire ora, sostiene la Sbai, per impedire che gli islamisti non crescano di numero e aumentino il loro peso politico, permettendo loro di impossessarsi di intere città europee.

da LiberoQuotidiano.it del 23/03/2016